Questo sito è dedicato allo sviluppo e alla pratica della scrittura creativa in tutte le sue forme e comprende l’analisi critica di vari mezzi espressivi, dalla narrativa alla musica, dal cinema al teatro, passando per altre forme che fin troppo spesso sono considerate minori: la televisione e il fumetto.

scrittura   /   5 applicazioni Ipad per scrittori

(giovedì, 28 marzo 2013)

Uso spesso l’iPad per scrivere. Prima di averlo (lo confesso) lo consideravo un oggetto abbastanza dubbio, una specie di Ipod oversize, invece con il tempo mi sono accorto che è uno straordinario strumento per la produttività. Come nessuna macchina va avanti senza benzina, nessun dispositivo può andare avanti senza un software che permetta di svolgere il proprio lavoro in maniera efficiente, divertente e (nei limiti del possibile) spensierata.

Questo è un elenco delle applicazioni iOs che uso più spesso, se non addirittura quotidianamente nella mia scrittura. Una di queste applicazioni è gratuita (WordPress), ma la maggior parte è a pagamento. Niente di sconvolgente, si tratta di programmi che costano pochi euro, ma che possono essere proprio la soluzione che stiamo cercando per renderci la vita più facile. Premetto che tra i programmi sotto indicati non c’è Evernote. Non mi ha mai appassionato e non sono mai riuscito a usarla in modo efficace. Visto che è gratuita, potete anche non fidarvi della mia esperienza e prenderla in considerazione.

Voglio mettere in chiaro di non avere alcuna relazione con le società che hanno sviluppato questi software e che questo articolo non ha nessuno scopo promozionale. Inoltre, non ho nessun vantaggio dal fatto che qualcuno clicchi su questi link e acquisti uno o più di questi programmi. La mia è una semplice condivisione di esperienze e di pratica quotidiana.

1. Heart Writer €1,79. Questa è l’applicazione con la migliore tastiera virtuale per Ipad. Per carità, la tastiera virtuale è fantastica, ma questa ha una marcia in più. Con un facile sistema che si avvale dello sfioramento di tasti più grandi, con Heart Writer avete davvero tutto quello che vi serve a portata di dito. Oltre a lettere e numeri ci sono simboli, virgolette già aperte e chiuse in cui inserire parole e frasi, frecce per muoversi con i cursori avanti e indietro. Devo dire che non ha un sistema di directory, ma è l’applicazione che uso di più per scrivere, proprio per l’eccezionale tastiera virtuale.

2. Write 2 HD €2,69. Quando uso una tastiera bluetooth, vado tranquillo con Write 2 HD. Ha un sistema di directory più avanzato di Heart Writer, dei temi molto rilassanti per gli occhi ed è un pochino più versatile. Riassumo così la differenza tra queste due applicazioni. Write 2 HD è eccezionale quando hai una tastiera bluetooth, quindi per contesti più casalinghi (o quando vi va di portarvi appresso la tastiera). Heart Writer vi salva quando siete “on the road”, quando siete senza tastiera o non ve la potete portare per un motivo qualunque (o non avete lo spazio per usarla e dovete tenere l’iPad sulle ginocchia).

3. WordPress per iPad €0,00. Questo lo uso solo quando sono in viaggio e voglio postare qualcosa sul mio blog. E’ gratuito ed è in costante aggiornamento/miglioramento/fate voi.

4. Goodreader per iPad €4,49. Come correttore di bozze “old school”, amo molto avere un testo cartaceo su cui fare correzioni a penna. Naturalmente questa pratica non è del tutto amichevole nei confronti dell’ambiente ed è un evidente spreco di carta. Con Goodreader e un pennino per touchscreen posso fare le correzioni direttamente su PDF. Ho usato questo sistema per revisionare i libri di un paio di amici e per me è stato preziosissimo perché mi ha permesso di risparmiare un sacco di tempo, di fare correzioni nella maniera che più mi piace, permettendomi contemporaneamente di inviare in maniera rapida il file PDF con tutte le mie annotazioni.

5. StorySkeleton €1,79. Anche se in realtà è un’applicazione nativa per iPhone, la uso molto volentieri su iPad. StorySkeleton permette la creazione di un sistema di schede utili per lo sviluppo di una storia. E’ molto versatile, ha già incluse tutte le svolte della drammaturgia classica, la divisione in atti oppure possiamo dare noi la suddivisione che preferiamo, anche semplicemente in capitoli. Ho già sviluppato un romanzo breve (un horror) con questa applicazione, e sarà il mio prossimo progetto di scrittura. E’ compatibile con Scrivener, il che è un vantaggio assoluto, almeno per me.

Condividi condividi su Del.icio.us condividi su Digg


2 commenti

  • sonia
    il 2 aprile 2013 alle 9:45 ha scritto:

    io uso evernote con lo smartphone e mi trovo bene soprattutto per la possibilità di dettare quello che mi viene in mente senza dovermi mettere a scrivere sul momento e poter correggere quando ho più tempo magari dal pc

  • mauro
    il 2 aprile 2013 alle 12:25 ha scritto:

    Grazie Sonia per la tua testimonianza. In effetti un’altra possibilità è quella di usare gli smartphone (ormai sempre più comunni) come registratori tradizionali, incidendo con la propria voce idee, pensieri e spunti. Immagino che Evernote darà qualche possibilità in più, come quella di catalogare o indicizzare in qualche modo i propri appunti. Un giorno mi devo decidere a provare a usarlo più seriamente.

 

RISPONDI


5 + = 14

ARTICOLI PRECEDENTI

notizie cinema teatro musica scrittura