Questo sito è dedicato allo sviluppo e alla pratica della scrittura creativa in tutte le sue forme e comprende l’analisi critica di vari mezzi espressivi, dalla narrativa alla musica, dal cinema al teatro, passando per altre forme che fin troppo spesso sono considerate minori: la televisione e il fumetto.

scrittura   /   Perché un concorso letterario per la terza età

(mercoledì, 6 marzo 2013)

NOTA: Scade il 31 maggio 2013

In un altro articolo avevo riportato il bando per un concorso letterario destinato ai residenti della regione Lazio in età non più verde (dai 65 anni in su). Ritengo che questa iniziativa non a scopo di lucro sia lodevole e particolarmente degna di tutela. Per questa ragione ho contattato Maria Assunta Salvatore, che ha ideato questo piccolo concorso e le ho fatto qualche domanda. La scrittura è un patrimonio di tutti, e può essere anche uno strumento di grande valenza terapeutica per ogni età. Ai fini della partecipazione al concorso, gli elaborati devono essere spediti nell’indirizzo indicato nel bando entro il 31 maggio 2013 o tramite posta elettronica all’indirizzo email indicato nel bando medesimo.

- Come ti è venuta l’idea per un concorso letterario così particolare?
Il concorso è stato organizzato insieme alla casa di riposo Taurini gestita dalla cooperativa Siar in cui svolgo un laboratorio teatrale con gli anziani da circa 4 anni. E nasce dall’esigenza di raccogliere e ascoltare le storie e i racconti che vengono da lontano e che costituiscono la nostra memoria collettiva.

- Hai già lavorato con la scrittura per la terza età?
E’ la prima volta che lavoro con la scrittura per la terza età sotto forma di concorso letterario. Da anni scrivo testi con e per gli ospiti della casa di riposo da mettere poi in scena.

- Secondo te quali sono le caratteristiche di chi si accosta alla scrittura in un’età non più verde?
Credo che chi decide di scrivere, a qualsiasi età, è perchè abbia un’esigenza. Magari l’ha sempre avuta e scrivere diviene il veicolo che dà voce a ciò che ognuno ha dentro. Una caratteristica che sicuramente è comune è la necessità di avere un progetto, lavorare per uno scopo preciso in un’età che alcuni credono priva di fini ultimi.

- Il concorso è incentrato sull’idea di Filo della memoria. Quale tipo di memoria è particolarmente meritevole di tutela?
Non c’è differenza tra la memoria. E’ chiaro che potrei dirti la memoria storica è quella più importante perchè, soprattuto rivolgendoci a perone di questa età i loro ricordi si intrecciano con le storie di guerra. Credo che ognuno abbia memoria di qualcosa, che possa essere una storia che si inserisce nello scenario storico del secolo scorso o anche la storia della prima volta in cui ci si è innamorati. L’importante è che non si perda.

- Come sarà composta la giuria?
La giuria è in via di definizione, ma ci sarà una psicologa una filologa romanza una giornalista ed altri…insomma persone che ogni giorno e in modi diversi si confronta con la scrittura e la terza età.

Condividi condividi su Del.icio.us condividi su Digg


un commento

  • M.cristina
    il 11 marzo 2013 alle 13:48 ha scritto:

    Devo proprio ringraziarti caro Mauro, Sono una signora di settant’anni con tanta voglia di scrivere e cose da dire e grazie al tuo sito sto dando finalmente forma ai miei pensieri e alle mie fantasie. Ma soprattutto non sarei mai venuta conoscenza di questo concorso di scrittura per terza età. Grazie ancora e complimenti per il tuo sito. E’ interessantissimo!

 

RISPONDI


+ 3 = 4

ARTICOLI PRECEDENTI

notizie cinema teatro musica scrittura